La via del combattimento é molto difficile da spiegare con le sole a parole

wangxiangzhai

Tratto dagli scritti di Wangxiangzhai

La via del combattimento é molto difficile da spiegare con le sole a parole. Il Libro delle Canzoni e
il Libro dei Riti ci affermano che la boxe e la lotta sono all’origine delle arti marziali. Durante la
Dinastia Han (206 BC- 220 AD) Hua Tuo creò la Forma dei Cinque Animali che racchiudeva
l’essenza del combattimento; pochi però furono i praticanti e lo stile andò definitivamente e
irrimediabilmente perduto.

Nella Dinastia Liang (502- 557 AD) Damo arrivò nell’Est, oltre ad
insegnare la preghiera ai suoi discepoli, tramandò anche l’arte di mantenere il fisico attraverso i
caratteri fondamentali dello spirito degli uccelli e delle bestie combinati con i metodi di sviluppo
del midollo e di trasformazione dei muscoli e dei tendini, delle ossa e dei legamenti.Fu da qui che
nacque lo Yiquan (boxe della mente), anche conosciuto come Xinyiquan (boxe del cuore e
dell’intenzione). I discepoli e seguaci furono molti e dotati di conseguenza l’arte si diffuse e la fama
di Shaolin crebbe enormemente. Successivamente Yue Fei riunì la quintessenza delle varie forme e
la trasformò nella Boxe dei Cinque Elementi Combinati: sanshou (combattimento libero); liaoshou
(prese e proiezioni) etc … il nuovo nome scelto fu Xingyiquan (boxe della forma e dell’intenzione).
Successivamente, in tempi di pace e stabilità, l’umore generale cambiò: s’iniziarono ad apprezzare
la cultura e le arti, mentre le arti marziali vennero sempre più guardate con sufficienza e disprezzo.
Molti degli esperti nel combattimento si erano da tempo rovinati a causa della loro bellicosità, e i
burocrati avevano intrapreso una campagna diffamatoria spingendo le persone ad evitare le arti
marziali che quindi persero negli anni la loro vera essenza e i loro fondamenti teorici.
Mentre gli anni trascorrevano la situazione non accennava a cambiare.
Anche se esistevano alcuni individui che conoscevano la Via (Tao) e praticavano i suoi precetti, la
maggior parte si nascondeva nei villaggi, non facendo trapelare né il proprio talento né il fatto di
essere a conoscenza delle arti marziali. Questa fu indubbiamente una gran perdita per gli studenti
del tempo. Nell’era Qing i fratelli Dai della provincia del Taiyuan furono i migliori in quest’arte,
ma la trasmisero solo a Li Luoneng dello Shenxian nella provincia dell’Hebei. Molti furono gli
allievi di Li Luoneng, ma solo Guo Yunshen ottenne un livello paragonabile a quello del maestro.
Quando insegnava ai suoi studenti Guo poneva la pratica dello zhanzhuang (stare come un palo)
come l’irrinunciabile punto di partenza. Molti studiarono con Guo, ma coloro che poterono giovare
completamente dei suoi insegnamenti furono molto pochi.
Guo era solito affermare che i “non-appropriati” non potevano imparare e non potevano esser
istruiti in ogni modo spesso si “auto eliminavano”. Vengo dallo stesso villaggio di Guo, che era un
mio parente, avevamo un ottimo rapporto d’amicizia del tipo che intercorre tra un anziano e un
giovane, il maestro apprezzava la mia sagacità e pur essendo vecchio e morente m’insegnò
instancabilmente e senza remore la sua arte.
Purtroppo le antiche regole di “moralità” non sono sopravvissute fino ai giorni nostri, e le persone
ignorano che la meta é straordinariamente vicina perché non la conoscono. I praticanti d’arti
marziali, affascinati da ogni sorta di stupidità, non capiscono che la Verità non é in nessun posto se
non nelle attività quotidiane; mentre le persone normali non la colgono in alcun modo perché é
troppo vicina. Esiste un antico detto che rappresenta quanto sopra ” La via (Tao) non evita mai le
persone, sono le persone che fanno in modo che la Via (il Tao) le eviti”. Personalmente non sono
interessato alla gloria, come molte persone a me contemporanee che la continuano a cercare invano
con rabbia e astio. Gli individui e i “maestri” che cercano soldi non studiano né si pongono
domande, ma plagiano gli antichi scritti riferendosi a questi in modo incompleto e fuorviante, il loro
unico scopo é di procurarsi un modo in cui vivere. Con pagine volutamente piene di non significati
entrano deliberatamente il “non chiaro”; a volte si esprimono come un miraggio, un atto
d’immaginazione, a volte come alte montagne e acque distanti che non sono in alcun modo
relazionato e collegate tra loro. Anche il più diligente dei loro studenti finisce inevitabilmente per trovarsi nella nebbia più fitta, non essendo in alcun modo in grado di differenziare il vero dal falso.
Molti sono coloro che credono che la Via (Tao) dei saggi non possa esser più ottenuta. Solo le
persone avide hanno di che guadagnare da quest’affermazione che notte dopo notte mi fa disperare
per la sua profonda inesattezza. Come potrà mai la vera Via (Tao) prosperare nuovamente? Sebbene
non sia mai stato aggressivo per natura, furtivamente nel mio cuore ho amato la Via del
combattimento, e attraverso questa ho trovato un autentico metodo per avvicinare la Verità. Molti
degli insegnamenti giornalieri del mio maestro sono stati da me raccolti e raggruppati in questo
libro.
Spero che alcune di queste istruzioni possano essere di beneficio a me stesso e agli altri. Non oso
essere egoista, spero quindi vivamente che tutti coloro che inseguono i miei stessi obiettivi traggano
da questo scritto vantaggio.
Non pubblico tutto ciò senza queste autentiche attese.
Questa é la mia prefazione
18° Anno della Repubblica della China (Settembre 1928)
Wang Yuseng della provincia di Shenxian

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...